Progetto: "Occhio a quei Bimbi"

La scuola che promuove la salute

Cos’è lo screening antiambliopico? Ea cosa serve?
Lo screening visivo è un’attività dei controllo dello stato della salute oculare in grado di evidenziare quelle situazioni anomale meritevoli di approfondimento in una visita specialistica.
L'attività di screening visivo antiambliopico è in particolar modo mirata alla prevenzione dell’ambliopia (volgarmente nota come "occhio pigro") L'ambliopia è una patologia oculare tipica dell’infanzia, che si verifica quando la funzione visiva è inferiore alla norma in uno o (più raramente) in entrambi gli occhi, nonostante gli occhiali. Questo significa che l’occhio ambliope vede "meno" o "molto meno" rispetto alla norma. L'ambliopia si può instaurare solo durante l’infanzia, per varie cause.
L’età più sensibile coincide coi primi due o tre anni di vita, e tale sensibilità scema gradualmente sino ai sette anni di età; forme ambiopiche più lievi possono inoltre verificarsi anche dopo, fino a 10-12 anni.
Se non è diagnosticata in tempo e trattata entro un’età utile, l’ambliopia rimane incorreggibile per tutto il resto della vita, causando un deficit visivo che si riversa su vari aspetti della vita quotidiana (dallo sviluppo fisico-cognitivo, all’apprendimento, al tempo libero). La diagnosi precoce dell’ambliopia può avvenire attraverso un programma di screening visivo, che può evidenziare quelle condizioni anomale della visione meritevoli di un secondo approfondimento in una visita specialistica (ortottica e/o oculistica)
Come verrà effettuato lo screening visivo?
La valutazione sarà eseguita dalla dott.ssa Crisci, Ortottista assistente di oftamologia.
Prima della valutazione visiva sarà richiesta la compilazione di una scheda di raccolta dei dati di natura medica del bambino. Lo screening visivo dura circa 15 minuti e consiste in una serie di test nei quali il bambino deve interagire rispondendo alle domande proposte dalla dottoressa. La valutazione non prevede esami invasivi, né fastidiosi o dolorosi, né l’impiego di farmaci; nei test proposti è necessario guardare immagini e luci e rispondere ad alcune domande poste in forma di gioco.
Al termine dello screening visivo verranno consegnati in busta chiusa i risultati di test condotti durante lo screening visivo e il responso complessivo della valutazione, con l’eventuale indicazione di approfondimento in una visita specialistica ortottica e/o oculistica.

Gli obiettivi di questo screening visivo sono:

  • diagnosticare il più precocemente possibile qualsiasi deficit visivo ed ogni alterazione della motilità oculare o strabismo (spesso presenti anche in forma latente);
  • indirizzare i bambini con sospetti problemi presso centri specializzati al fine di instaurare tempestivamente il trattamento adeguato dei difetti, difficilmente recuperabili dopo la prima infanzia.
I pediatri consigliano la primissima visita entro il primo anno di vita se non ci sono disturbi evidenti (come lo strabismo, per esempio). Poi la seconda verso i tre anni. E se non ci sono problemi, la terza prima dell’inizio della scuola elementare
Pediatra

Pediatra

Progetto
"Un Pediatra per amico"

Leggi tutto

Oculista

Oculista

Progetto
"Occhio a quei Bambini"

Leggi tutto

Dentista

Dentista

Progetto
"SorriDenti"

Leggi tutto

Counseling

Counseling

Progetto
"Melagrana"

Leggi tutto

Dove Siamo

  • Via Nazionale, 3
    81021 Arienzo (CE)
  • Vai alla mappa di Google
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • YouTube

Contatti

Segreteria +39 0823 809242
Orari di ricevimento
dal Lunedì al Venerdì
10:00 - 12:00
15:30 - 17:00